Camper Idea - Viaggi ed idee per un viaggio in camper
 


I nostri Viaggi in Camper
 
Elenco LocalitÓ in Camper
 
 
Camper Link
Home page Camper IDEA
 

Iscriviti alla Mailing List di Camper IDEA:
Sarai informato quando verranno pubblicati nuovi Diari di Viaggio in Camper

Sito realizzato da
Penta Sistemi






In Camper a Roma
Giovedý 12 Giugno 2003

In Camper a Roma

Venerdý 13 Giugno 2003

In Camper a Roma
Sabato 14 Giugno 2003
  La sveglia e delle più toste! Sono appena le 07.00 e siamo molto assonnati. Lorenzo fa colazione e doccia, mentre Alessia non si è ricordata di portare il latte per la propria colazione, così decide di farla per strada. Alla reception del campeggio acquistiamo due biglietti giornalieri per tutti i servizi pubblici metropolitani al costo di E. 3,10. La signorina ci spiega che il trenino che porta in Piazza del Popolo a Roma è veramente a due passi: la prima a destra dopo il centro commerciale.
Ci dirigiamo verso la stazione "Due Ponti” del trenino che da Roma porta a Viterbo, non prima di aver fatto sosta al centro commerciale per la colazione di Alessia.
Il trenino è veramente comodo, ed in un quarto d’ora, compresa l’attesa in stazione, siamo in Piazza del Popolo.
L’impatto con Roma città è veramente molto bello perché Piazza del Popolo offre di sé una grandiosa veduta.
 
 
Roma - Piazza del Popolo
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
  Decidiamo di percorrere la direttrice di Via del Corso, fermandosi e deviando tutte le volte che nelle vicinanze sia presente un buon motivo per farlo. Così raggiungiamo Piazza di Spagna, dominata dalla Trinità dei Monti e dalla celeberrima scalinata. La percorriamo tutta, anche se il sole comincia a farsi sentire. Il panorama è veramente molto bella da qua, e Trinità dei Monti non è da meno.  
 
Roma - Piazza di SpagnaRoma - Veduta da Trinità dei Monti
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
 
Roma - Trinità dei Monti
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
  Riprendiamo Via del Corso e raggiungiamo la zona dei Palazzi del potere. Il primo a cui arriviamo è Montecitorio, con accanto Palazzo Chigi.
Fa un po’ impressione vedere dal vero questi palazzi così famosi e presenti in quasi tutte le edizioni dei telegiornali!
 
 
Roma - MontecitorioRoma - Palazzo Chigi
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
  Riprendiamo il cammino dirigendosi verso la Fontana di Trevi. L’impressione è un po’ strana, perché anch’essa si vede mille volte in TV, e ci si aspetta una grande piazza con la fontana di cornice, invece la piazza è piuttosto piccola, ma la fontana rimane comunque di una folgorante bellezza.  
 
Roma - Fontana di TreviRoma - Fontana di Trevi
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
  Il caldo comincia ad essere sempre più pressante, e la salita al colle del Quirinale ce lo ricorda in maniera piuttosto brusca. Arriviamo precisi per assistere al cambio dei soldati alle guardiole, e ci godiamo lo spettacolo all’ombra dell’obelisco centrale della piazza.  
 
Roma - Palazzo del Quirinale
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
  Riprendiamo la nostra camminata per Via V.Maggio e Via Magnanapoli, e giungiamo al Vittoriano prospiciente Piazza Venezia. Il caldo si fa sentire, ma la veduta della piazza merita un po’ di sofferenza.  
 
Roma - Il VittorianoRoma - Palazzo Venezia
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
 
Roma - Il Vittoriano
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
  Riprendiamo la strada che tramite le vie “della politica” (Piazza del Gesù, Via delle Botteghe oscure, Via del Plebiscito, ecc. ecc.) ci condurranno al Pantheon. Non prima però di una sosta rigenerante presso le panchine di Largo Torre Argentina. Proseguendo da qui verso nord, per Via dei Cestari, raggiungiamo il Pantheon, probabilmente il più bel monumento di Roma, almeno secondo Lorenzo che ne rimane molto affascinato.  
 
Roma - PantheonRoma - Pantheon
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
  Dal Pantheon ci spostiamo verso Piazza Navona, e nel tragitto inseriamo una visita a Palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica.  
 
Roma - Palazzo Madama
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
  Piazza Navona è veramente impressionante per le sue dimensioni, e ne rimaniamo molto affascinati. Un’altra cosa che ci affascina in Piazza Navona è una donna-statua. Rappresenta una sfinge egizia, ed è completamente avvolta in un sacco color oro, con un pesantissimo trucco. E’ immobile ne centro della piazza, sotto il sole, e se qualcuno depone qualche spicciolo nella cesta posta davanti a lei, le fa l’inchino. E’ la passione di tutti i turisti, oltre che nostra, perché anche noi abbiamo voluto il nostro inchino.
Riprendiamo la strada sofferenti al pensiero che la donna-statua rimanga immobile sotto il sole romano.
 
 
Roma - Piazza Navona
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
  E’ già mezzogiorno, e la fame si fa sentire. Decidiamo di mangiare al Pincio, in modo da ripercorrere Via del Corso con i negozi aperti (Alessia non vuol sentire ragioni). Inoltre, il Pincio, non dista molto dalla stazione del trenino che, dopo pranzo, ci riporterà in campeggio. Acquistiamo in Via del Corso dei tramezzini (siamo a Roma o no?!) e ce li guastiamo con piacere su di una panchina del Pincio, non prima di essersi sorbiti la salita per arrivarci. Ma si sa, tutte le cose conquistate con una certa fatica risultano poi le migliori!!! Facciamo un’ultima foto allo spettacolo di Piazza del Popolo e ritorniamo in camping con il trenino Roma-Viterbo.  
 
Roma - Veduta dal Pincio
Clicca sull'immagine per ingrandirla
 
  La sera prendiamo un taxi e ci facciamo portare a trastevere dove avevamo fissato due posti in una trattoria trovata su internet. Arriviamo un po’ presto e decidiamo di prendere un aperitivo in un locale poco distante. Alessia approfitta per comperare le sigarette da una macchinetta automatica, che le frega l’intero importo. Al secondo tentativo è più fortunata e riesce ad acquistare le sigarette.
Finito l’aperitivo, entriamo in trattoria, accolti calorosamente dal gestore che si diverte un mondo a scherzare sul nostro accento.
La cena parte con un antipasto della casa, e prosegue con un’eccellente ed abbondante piatto di pasta alla carbonara. Lorenzo continua la cena ordinando la famosa “coda alla vaccinara”, mentre Alessia preferisce passare al dolce. Lorenzo si leccherà le dita per tutta la sera.
Conclusa la cena, salutiamo il gestore e lo ringraziamo per l’ottimo pasto consumato. Riprendiamo un taxi per tornare al campeggio, felici della bellissima giornata trascorsa.
 
     
   
Autocaravan Kentucky Camp